Pubblicità cibo spazzatura: il no di Disney con il plauso di Michelle Obama

Scritto da: -

La Disney banna gli spot che promuovono punk food, una decisione pionieristica appoggiata da Michelle Obama.

bambini-obesi.jpg Buone notizie sul fronte della lotta all’obesità infantile, con la Walt Disney che ha deciso di mettere al bando le pubblicità di cibo spazzatura dai siti internet, canali TV.

La svolta, che avverrà nel 2015, è pionieristica, considerata l’importanza della Walt Disney.

Ad appoggiare l’iniziativa, la first lady statunitense Michelle Obama che avrebbe commentato:

”Questa iniziativa può cambiare i giochi per la salute dei nostri bambini. Questa è una delle principali aziende americane, un marchio globale, che sta letteralmente cambiando il modo di fare business in modo che i nostri piccoli possano avere vite più salutari”.

Gabriele Riccardi, presidente uscente della Società italiana di diabetologia (Sid), spiega al Corriere:

“Il giovanissimo è sovrappeso non perché mangia male a casa, ma perché consuma bevande zuccherate fuori dalle mura domestiche. In media si è visto che i ragazzi dai 5 ai 15 anni ne bevono una ogni 2 giorni. E le calorie che vengono introdotte sotto forma di liquidi colorati ricchi di glucosio non vengono compensate dall’organismo, limitando l’assunzione di cibo affievolendo l’appetito, ma sono calorie extra che aumentano l’obesità in questa fascia d’età. Il bimbo sovrappeso in circa due casi su tre diventa un adulto obeso. Questo si traduce in età matura con l’arrivo dopo 10 anni dell’ipertensione, dopo 20 di problemi di iperlipidemia e dopo 25 del diabete”.

LINK UTILI

Consigli anticrisi: coltivare l’orto in casa, come Michelle Obama.

Alimentazione: le immagini choc della pubblicità contro l’obesità.

Obesità e regime alimentare: un nuovo approccio.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!